Mario Antinolfi

Chi sono?

Chi sono, bella domanda, potrei dire che sono un uomo come tanti altri, solo che dentro di me oltre ad esserci gli organi vitali c’è un archivio di copioni, di palchi di costumi, luci, sensazioni, emozioni, adrenalina, insomma il mondo del teatro è dentro di me, mi dà la vita, la forza di affrontare la quotidianità che a volte è grigia e piena di difficoltà, ed il bello è che più faccio questo mestiere più si alimenta questa passione, questo amore che ho dentro.

Quando bisogna parlare di se stessi, autodescriversi, raccontarsi è sempre una cosa molto difficile, Quello che posso sicuramente dire è che, fanno parte di me, tante sfaccettature del carattere umano: introverso ma nello stesso tempo esplosivo, timido ma ecco che all’improvviso mi trasformo in un istrione, taciturno ma poi quando salgo sul palco non riesco a zittirmi, gioviale e socievole ma certe volte un lupo solitario. Insomma una personalità tutt’altro che semplice e prevedibile.
Sono nato alle 7 del mattino di un lontano 9 ottobre del …….vabbè l’anno a che serve saperlo, da una famiglia numerosa composta da tre fratelli e due sorelle, con una madre casalinga dedica alla famiglia ed un padre, dirigente di Poste Italiane e molto impegnato nel sociale e nella politica.
Sicuramente l’arte ha fatto da padrona in famiglia, tutti noi avevamo una vena artistica, ognuno nel suo campo, si spaziava dalla musica al canto alla pittura ed io non da meno nel campo teatrale.
Ho avuto la fortuna di nascere in una città meravigliosa, Napoli, una città di sicuro riferimento culturale nel mondo e dove l’arte fuoriesce da ogni angolo delle strade e lo spettacolo è quotidiano: basta fermarsi per strada e vedere cosa ti succedere intorno.
Ho avuto l’onore di nascere e crescere in una città dove hanno trovato i natali i grandi della drammaturgia ed autori contemporanei e non, da Scarpetta a Petito, da Viviani a Torello a Bracco, dai De Filippo a Totò, da Massimo Troisi, fino ad arrivare ai giorni nostri con grandi autori ed artisti del mondo dello spettacolo.
In questo contesto e respirando l’aria di questa straordinaria città, dove l’arte e lo spettacolo è il fulcro della vita quotidiana non potevo non amare il mondo dell’arte.
La passione per il teatro è entrata in me ed ha dominato la mia vita tanto a volte da confondere la vita vera da quella finta sul palco. Questa passione è nata e cresciuta in me diventando un chiodo fisso, una ragione di vita.
Mi sono avvicinato al teatro fin dalla tenera età, da quando ho partecipato alle prime recite scolastiche e parrocchiali, fino a quando ho fatto parte di una compagnia teatrale amatoriale nei primi anni ‘80. Ed è stato proprio in quel frangente che ho avuto la conferma che il teatro sarebbe stato il mio mondo, decidendomi così ad intraprendere una formazione ad hoc ed iscrivendomi ad una scuola di teatro dove ho avuto modo a di acquisire le tecniche basilari di recitazione e da lì, stage, corsi, laboratori e soprattutto tanta ma tanta esperienza sul palco. Infatti dal primo giorno di tanti anni fa, quando misi per la prima volta i piedi sul palco non sono più sceso da quelle tavole ed ho voluto intraprendere questo meraviglioso lavoro e non ho mai smesso di percorrere quella strada.
Dopo diversi anni di esperienze e dopo tanto vagare da una compagnia all’altra, nel 1999, decisi di fondarne una tutta mia, mettendomi in gioco in prima persona, infatti la compagnia si chiamava “La posta in gioco” e con essa ho organizzato e prodotto diversi spettacoli, coprendo i diversi ruoli, da direttore artistico ad organizzatore da regista ad attore.
Sulla scia della “Posta in Gioco”, nasce, nel 2001, la compagnia “Attori & Company”, compagnia che si avvale della collaborazione di diversi e bravi professionisti del settore, rappresentando così grandi opere che vanno dalla tradizione classica alle commedie contemporanee brillanti e cercando di proporre, accanto ai testi classici e famosi, anche testi originali e poco rappresentati. La compagnia si affida ad attori professionisti con la ricerca di un prodotto artistico all’altezza delle più rinomate compagnie stabili con l’obiettivo di ritagliarsi un ruolo importante nel mondo del teatro romano ed italiano.
Oltre ad organizzare e produrre spettacoli teatrali ho avuto la fortuna, come direttore artistico, di organizzare diverse rassegne e festival di Teatro collaborando con grandi artisti del panorama teatrale………
Ma in questo percorso artistico devo ringraziare prima di tutto la mia famiglia: mia moglie Lucia e le mie due figliole Federica e Milena, che mi hanno sempre sostenuto, incoraggiato e dato la forza e l’opportunità di andare avanti, GRAZIE !
Un grazie affettuoso va anche a tutti coloro che in questi anni mi sono stati vicino, parlo del nostro affezionato pubblico che mi segue e mi gratifica e ringrazio i tanti colleghi e collaboratori con cui ho avuto modo di collaborare e condividere tanti bei momenti.

I commenti sono chiusi